Il libro

Nel 1965 un gruppo di astronomi si ritrova su una piccola isola del Pacifico per assistere al passaggio di una cometa. Ma quando un bambino muore durante la pioggia di meteore, la vita di tutti i presenti, e dei loro affetti, subirà un cambiamento radicale e silenzioso, che si rivelerà pienamente solo molti anni dopo. Denise, carica dei ricordi di un'infanzia molto particolare, combatte per ottenere il rispetto che merita nel suo lavoro; il suo amico Eli, sposato con una donna che adora ma impenetrabile, è sempre più attratto da Denise e dalla sua mente imprevedibile; la giovane Lydia cerca un modo per sfuggire alle ombre inquietanti che si allungano sul gruppo di scienziati... Una storia intensa che esplora le occasioni colte e quelle sfuggite, un romanzo sui nuovi amori, sui legami perduti e sulla forza invisibile che il tempo esercita sulle nostre vite.

La mia lettura

Ho letto tutti i libri di Greer tradotti in italiano dalla brava Elena dal Pra che conosco personalmente ( l’unico che non ha tradotto lei è La storia di un matrimonio), apprezzo di lui il talento di scrivere degli incipit fulminanti, davvero bellissimi, talmente belli che se entri in libreria e leggi la prima pagina dei suoi libri li compri tutti.

Il cielo manteneva sempre la parola.

La via dei pianeti minori (The Path of Minor Planets ) è il suo romanzo di esordio, uscito nel 2001 e all'epoca negli USA ebbe un grandissimo successo. Qui da noi La via dei pianeti minori  è uscito nel 2019 subito dopo il Pulitzer per Less ma leggendolo  solo ora, dopo aver letto il Greer più maturo, devo dire subito che pur trovando la sua prosa e il suo talento già molto ben delineati, questo è il romanzo che mi è piaciuto meno.

Perché?

Greer adora approfondire la psicologia dei suoi personaggi, lo fa benissimo, qui eccede decisamente però … Le divagazioni sui risvolti interiori dei vari personaggi sono tantissime, a volte la trama subisce una interruzione anche brusca per lasciare posto agli “spostamenti del cuore” di Denise o Eli a danno della tensione narrativa!

La storia comincia con un evento astrologico accompagnato però da un evento tragico, in cielo c’è la cometa, sulla terra muore un bambino, le due cose non sembrano essere funzionali al pathos del romanzo, un evento tragico e luttuoso dovrebbe aumentare l’emozione, il senso di turbamento, invece l’impressione è che i personaggi siano troppo concentrati sulle loro vicende personali per trasmettere al lettore emozioni diverse.

Dove pone invece l’accento Greer? Qual è l’evento catalizzatore d’attenzione? L’ ”affair” tra Denise ed Eli.

Che obiettivo voleva raggiungere Greer con questa storia? Farci vivere un momento particolare, uno di quei momenti in cui all’improvviso tutto può cambiare, ma una relazione clandestina non è un qualcosa nell’economia della storia che ci fa riflettere sulla vita.

Cosa mi è piaciuto invece?

Il fatto che Greer sia riuscito a strutturare la trama seguendo il perielio e l'afelio di una cometa. Il perielio è il momento in cui si trova più vicina alla Terra mentre l'afelio è il momento più lontano, il libro copre un lasso di tempo di venticinque anni, dal 1965 al 1990, se leggete il libro vdrete come ha deciso di suddividere le varie parti ...

E’ bello il contrasto tra ciò che è terreno e ciò che invece rimane avulso, in cielo, gli esseri umani sono “pianeti minori”di cui possiamo comunque apprezzare le debolezze, le imperfezioni.

Non sono rimasta impressionata da nessun personaggio in particolare, devo confessare anche che spesso mi sono annoiata, tuttavia, per essere un romanzo di esordio è certamente eccellente.

Il mio preferito dunque rimane La storia di un matrimonio, qui su questo sito li trovate tutti o quasi.

 

La via dei pianeti minori di Andrew Sean Greer

Traduttore: Elena Dal Prà

Editore: La nave di Teseo

Pagine: 395 p., Brossura € 19,00

Ebook 9,99

Autore: 
Categoria: