Los Angeles

Non ci sono stata dunque riferisco cose che mi hanno raccontato e che ho letto!

A Los Angeles finisce, dopo 3777 km la Route 66

Avrete di certo sentito parlare di Santa Monica, una delle località balneari sulla costa del Pacifico più conosciute insieme a Malibù, Venice e Long Beach, sul Pier, proprio lungo il pontile che attraversa la spiaggia si trovano numerosi bar, ristoranti, artisti di strada (come a San Francisco immagino).

Il nucleo originario della città è El Pueblo, risale alla fine del 700, le origini ispanico-messicane sembra siano più che evidenti. Qui si può visitare la chiesa di Nuestra Señora Reina de los Ángeles fondata nel 1784, il nome comune per indicarla è La Placita, frequentata soprattutto da immigrati sudamericani.

Altra chiesa famosa è Our Lady of the Angels, progettata da Rafael Moneo , se volete andare l’ indirizzo è: Incrocio tra Temple e Grand Avenues , la cattedrale misura 4.000 mq e ha davanti un enorme piazza per le celebrazioni all’aperto, è costata 250 milioni di dollari!

Io desidero vedere da tempo l’Auditorium intitolato a Walt Disney su progetto di Frank Gehry, è il Walt Disney Concert Hall, avrete visto la foto delle vele d’acciaio che lo rendono molto riconoscibile, l’auditorium è su una colline che domina downtown per cui fa di sicuro un grande effetto. Fu la vedova di Walt a volere quest’opera, Lillian Disney, ci sono voluti 15 anni per portare a termine l’edificio, numerosi i problemi che si dovettero affrontare. La sala centrale ha più di 2.200 posti, ma c’è anche uno spazio all’aperto, un piccolo teatro ad incasso da 250 posti, numerose sale prova, ha quattro ingressi differenti per forme e funzione: la Sala dei Soci Fondatori a nord-est, la Cascada a sud, a sud-ovest il Giardino dei Musicisti, per terminare poi con l’ingresso del foyer a nord-est .

Interessante è visitare anche la stazione ferroviaria di Los Angeles, la Union Station risale agli anni Trenta, è in stile coloniale con bei soffitti di legno.

Ovviamente non si può non andare a vedere la famosa Hollywood Walk of Fame, con le sue 2.400 stelle dedicate a personaggi famosi,

il Getty center, con una collezione magnifica di opere d’arte,

la tortuosa Mulholland Drive, i negozi di Rodeo Drive,

il museo di Los Angeles County of Art, o LACMA dove proprio di fronte all’entrata c’è l’Urban Light, la creazione di Chris Burden, una istallazione formata da 202 lampioni degli anni ‘20 e ’30.

Ma anche il Museum of Neon Art (lo chiamano MONA) ideato da Richard Jenkins e Lili Lakich, ma anche …

il Museum of Broken Relationships! Ecco l’indirizzo: 6751 Hollywood Blvd Los Angeles. Il Museo delle relazioni interrotte …

Molto più macabro invece il Museo della Morte a Hollywood.

Se volete leggere un quotidiano a Los Angeles, dovete comprare il Los Angeles Times.

Categoria: