Domenico Ghirardelli, chiamato anche Domingo (Rapallo, 21 febbraio 1817 – Rapallo, 17 gennaio 1894), è stato un imprenditore italiano naturalizzato statunitense, fondatore insieme a James Lick della Ghirardelli Chocolate Company a San Francisco, era il 1852.

Perché vi parlo di lui? Perché se andate a San Francisco scoprirete che esiste una Ghirardelli Square dove trovate un gigantesco negozio di cioccolato e una altrettanto grande gelateria, più precisamente il Ghirardelli Ice Cream & Chocolate Shop.

Personalmente non ho resistito ad una enorme coppa di gelato, la Ocean Beach, il nome fa riferimento ad un posto dove vanno a fare surf nella Baia, è gelato alla vaniglia, cremoso caramello, fudge caldo, sale marino e panna montata! Ma c’è anche la coppa “Gold Rush” (gelato alla vaniglia arricchito da cioccolato fuso e burro d’arachidi).

L’edificio dove sorge la fabbrica/emporio di Ghirardelli era nato come mulino, si trova nella zona del Museo Marittimo, Fisherman’s Wharf e Pier 39, lo stile  ricorda l’architettura vittoriana con mattoni a vista e la clock tower e una enorme insegna tempestata di lampadine (risale al 1923) così luminosa che si racconta fosse perfettamente visibile anche alle navi che arrivavano a San Francisco dalla parte del Golden Gate. Nella Ghirardelli Square c’è la Fontana delle sirene opera della scultrice Ruth Asawa, confesso che è difficile farci caso, c’è così tanta gente che passa tranquillamente inosservata! Eppure se vi capita di andare lungo l’Embarcadero troverete un’altra fontana che ha al centro un’opera della stessa scultrice, il titolo dell’opera è Aurora e rappresenta una ruota a forma di fiore. Oggi il marchio Ghirardelli è stato acquisito dalla svizzera Lindt ma per noi italiani rimane l’orgoglio per l’impresa di questo intraprendente genovese e comunque gelati e cioccolato sono tutt’ora eccellenti oltre che costosissimi!

Se avete mangiato le mille calorie di un gelato di Ghirardelli allora potete anche andare verso Twin Peaks, le colline gemelle di San Francisco per godervi una delle viste più belle della città! Le colline sono alte 282 mt sono praticamente al centro del territorio della città, la strada panoramica che vi porta fino in cima è la Twin Peaks boulevard, oggi la cima delle colline è un’oasi naturale protetta.

Altra strada panoramica è la 49-mile scenic drive, la trovate indicata con un cartello stradale che raffigura un gabbiano, pensate … è del 1938, si chiama così sia per ricordare che la città si estende su 49 miglia quadrate sia per ricordare la Gold Rush che risale al 1849.

La strada è lunga 80 km, inizia a Union Square e finisce al City Hall.

San Francisco ha una superficie inferiore a 130 chilometri quadrati e una popolazione che non arriva neanche al milione eppure è una delle città più famose e sognate al mondo! Io confesso che ho una predilezione speciale per New York ma in una di quelle stupende case vittoriane di San Francisco mi ci adatterei sicuramente meglio!

Categoria: